Home Page
SS. Messe e Orari
Benedizione case
Vita della Comunità
Chi siamo
Recapiti dove siamo

San Giorgio martire
Sacro Cuore di Gesù
Proposta
Omelie dell'Arciprete CO/GI Proposta
El Campanon

La Storia
I Parroci
L'Arte
L'Organo
Le Campane

Ministri istituiti Ministri straordinari
Ministranti
Cap.Mus. "L. Perosi"
Giovani Cantori
Coretto dei bambini

Consiglio Vicariale
Consiglio Pastorale
Caritas
Comunità Giovanile
Azione Cattolica
Scout "Chirignago 1"
Gruppo Culturale
Galleria "La Piccola"
Amici del Presepio
Teatro Com-Bricola
Carnevale '88
Gruppo Pulizie
Gruppo Anziani

Catechesi
Tre Sere
Redditio Symboli
Esercizi Spirituali
Catechismo Adulti
Gruppi di Ascolto
Rito del Matrimonio

Ordo Virginum
Figlie di S.Giuseppe
Scuola dell'Infanzia
Casa Nazareth
Doposcuola
Centro "Don Orione"
Insieme per Wamba

Sala "San Giorgio"
Sala delle feste
Campeggio
Foto campi scuola
Chirignago dall'alto
Collegamenti utili

Privacy Policy

Locations of visitors to this page

LE CENTO MARAVEGIE DE CIARINAGO... Ciò i ride!

Monologo scritto da mons. Riccardo Bottacin nel 1931 in occasione di un’agape con i suoi. Una arguta nota sugli usi, costumi ed abitudini del suo popolo cerignaghese, rivela il carattere della gente. In politica, in religione e nel commercio del pollame e delle piume… argutamente scherza coi suoi nomi, cognomi e soprannomi… tutto un mondo brioso ed allegro dei tempi passati.

 

LE CENTO MARAVEGIE DE CIARINAGO… Ciò i ride!

Ecco ‘na meravegia subito!... Io me meravegio delle vostre meravegie! Ma quando gavarò finìo de parlare, gavarà finìo anca la vostra meravegia.

Ciarinago! Xè un paese che basta studiarlo un pochetto…
Ve garantisso mi, che el xè tuta ‘na maravegia!
Maravegia in politica, in religion, in commersio,
nei mestieri, nella razza, nelle famegie!
In tutto!

In politica – el xè un piccolo regno, dove no se schersa.
No gavaremo el Re, ma gavemo Rebesco!
Gavemo Giustissia!... e se occorre anca Caene!
El fascismo a Ciarinago ghe gera prima de Mussolini.
Quanto no xè che gavemo el Fassio. E quanti che ghe nemo!
No xè vero forse?

Se vardemo in religion, no gavemo el Papa, ma gavemo el Vicario!
Preti po’, quanti che se vole!!!... Gavemo fin ‘na famegia de Preti!...
E in Ciesa, par campanaro, gavemo gnente manco de un Giotto!

In commersio, po’ no ve digo! Le pene delle nostre oche gira el mondo, le và fin là in America.
Le scoe delle nostre fabbriche, và in Inghilterra, in Francia, in Germania… dapartutto!
E i ga trovà, che no ghe xè nessuna scoa che scoa, come ‘na scoa delle nostre scoe!
Cose grandi, fioi! Ciarinago avanti!

Nei mestieri po’, semo in prima linea!
Tutti i mestieri ghe xè qua!
Scoe, scoati, sventoli e piumini…
Piante, fiori, fogie de platano, de vida, scartossi, strope e stropei… tutta marcanzia che vien de qua!
Oche, arene, dindi e polastri, colombi, osei, conici… no ve digo quanti!...
Cape e caparossoi, mazenete e caragoi… rane… e po’!... no ve digo altro,… parchè senti mestieri i xè pochi! E savèo che furboni che xè i nostri de Ciarinago!
I ghe porta a Venessia i stornei par merli!...
Rospi par rane… Fiori de fosso par fiori de giardin!...
‘Na volta (che i venessiani no lo sappia), in mezzo ‘na sacca de oseeti, ghe gera anca un pochi de pulzinetti morti de spasemo!
La dixe, ‘na siora venessiana: “Paron, come xei sti oseeti?” E lu pronto: “Siora i xè favaretti de montagna!”
“Ciò comare – dixe la siora a ‘n’altra siora – tolemoli mezzi paromo, i gà da esser boni i oseeti de montagna!”
E beate e contente i se gà portà casa quel bel boccon!...
Ah, bricconi, bricconi!

Nella nostra razza po’ nelle nostre famegie gavemo de tutto.
Fè un giro co mi par el nostro paese. Dai prai de Batelo alle Sbrendole e dalla Rana ai Frassenei. Vardè, vardè quante famegie de sento, mille qualità.
Ora gavemo tutto quelo che volemo! Voleo vardar el tempo? Gavemo: Caio, Fredo, Siroco!
Voleo magnar? Gavemo: Oca, Mazaro, Dindia, Fagian, Poli, Galineta e Piton! E po’ Castran, Castradina, Polentina e Brisiola e anca Fogheto par cusinarla!
Ve piase le bestie? Gavemo: Mussa, Cavalina, Gatto, Vespa, Mosca, Lepre…
Ve piase i osei? Gavemo: Merlo, Tordo, Frison, Favaretto, Rondoni, Osei, Oseeti… e anca Cheba par meterli dentro!
Ve piase tagiar, squartar? Gavemo: Cortea, Roncon, Scortegon.
Ve piase far tochi? Gavemo: Testa, Gamba, Pansa, Naso, Boche, Viseto!
Ve occorre ferri da bottega? Gavemo de tutto: Ferro, Ferretto, Ciodo, Broca, Corda, Spago, Tavela, Cassiola…
Voelo sentir un poca de zente che se corre drio? Boro, Borela, Boreleta, Baraca e Baracheta.
Baga, Bagheta, Bortolo, Bortoleto, Bortolato, Bortolon, Bortolosso, I Duso, Buso, Busato, Busolin, Bala e Balestrin!...
Gavemo zente de ogni statura: Longo, Longheto, Basso, Bassetto. No ve digo po’ de Palassona che el xè alto come el campanile!
Voleo zente de città? Napoli, Napoleti, Milan, Padovan, Roman, Noale!
Gavemo bisogno de far toalet? Gavemo: Barbiero, Bianco e Rosseto e Moreto, Pulito, Mondo, Pettenò, Pettenà e Pettenela.
E finalmente lassè che par gustarse i denti, ve ricorda alcuni nomi gentili: Mazzucco, Baruzzo, Morsego, Massariolo, Sbrogiò, Versuro, Bocciai, Paccion, Scaparon, Scataron!
E par stà volta basta!

Xea o no xea tutta ‘na maravegia sto Ciarinago?
Xè sento le maravegie o xèe anca de più?
E po’ basta dir che a Ciarinago no se pianze mai!
Vardè in piassa Ciarinago: sempre Sagre tutto el tempo dell’anno.
In Canonica del Piovan: sempre Pasqua! Anca de Quaresima!

Cari amissi! Par stavolta go finio! E ve domando scusa de sta ciacolada!
Ma voaltri vardè de farghene conto! E quando andando in giro par el mondo sentì dire ancora: “A Ciarinago i pianta fasioi e nasse ladri”, rispondeghe sul muso: “Cossa? Pianta fasioi e nasse ladri? Vergogna!... No volemo sta offesa… A Ciarinago se pianta fasioi e nasse… Meravegie!